Se vuoi tenerti il tuo lavoro non pretendere il congedo
Cerca:




baby bazar magazine

Se vuoi tenerti il lavoro non pretendere il congedo
Annalisa AloisiEssere family
Mercoledì 07 Settembre 2016

tutela della maternitàStavo tranquillamente ansimando lungo una salita di montagna, proprio una decina di giorni fa, quando due donne davanti a me, che incredibilmente avevano fiato per chiacchierare, con due pargoli dodicenni al fianco, hanno attirato la mia attenzione.

Eh no, diceva una, se vuoi tenerti il lavoro non puoi pretendere di stare a casa nove mesi in maternità!” Ah no? Il discorso che ho sentito fare tante volte è proprio questo. Se stai a casa in maternità, anche se hai lavorato fino a due ore prima del parto, rischi il posto. In genere se sei madre rischi il posto, diciamocelo.

Se è illegale il licenziamento, il mobbing è in quell’area grigia che ti rende inevitabile smettere di lavorare o andartene altrove. A qualcuno risuona? Se poi questo discorso me lo fanno altre donne e altre madri mi disturba particolarmente.

Tutela della maternità in Italia: ahahah, bella battuta!

Una volta ho fatto un colloquio per l’ufficio prenotazioni delle visite di un ospedale della mia città. Non solo il posto era riservato ad una donna (cosa non specificata nell’annuncio, ma spiegata a voce dal direttore amministrativo della struttura), ma ad una donna senza figli. E io i figli li avevo.

Perché lei sa benissimo, diceva il direttore, che una donna con figli non può avere lo stesso rendimento di una senza impegni familiari! E a noi serve che l’impiegata sia concentrata e presente, fisicamente e mentalmente” (mi stai dando della cerebrolesa o è una mia impressione?) Ve la immaginate la mia faccia?

mamme che lavorano

Che poi non sono mica tutti così, eh! Ci sono anche quelli che se hai figli ti assumono volentieri. Rischiano meno che tu ne faccia altri. Più ne hai già fatti, meglio è. Quindi se per disgrazia non ne avessi ancora e stessi cercando lavoro… fatti due conti.

Allora, legalmente la tutela della maternità ci sarebbe anche. Certo i margini di miglioramento sono ampi se ci mettiamo a guardare ai paesi del nordeuropa, e pure scoraggianti, però dai, ci sono situazioni peggiori.

Il problema sono le zone grigie e i comportamenti ai limiti della legalità, quando non palesemente illegali, in molte aziende (e enti pubblici). Comportamenti contro i quali sei assolutamente disarmata, soprattutto in periodi di crisi.

Vuoi il lavoro? Firma questa lettera di licenziamento in bianco (si fa ancora, giuro!). Ti senti maltrattata? Pensi che ti abbia tolto le tue mansioni? No, abbiamo ridimensionato l’azienda in tua assenza, i ruoli sono cambiati.

Migliaia di casi simili avvengono ogni giorno, in migliaia di aziende e raramente qualcuna ha la forza, la voglia e il coraggio di alzare la testa e dire NO! Perché si troverebbe da sola, perché ci vogliono troppi anni e troppi soldi per spuntarla, perché ti fanno terra bruciata intorno, se ti azzardi a citare in giudizio l’azienda, chi ti assume più?

E perché succede?

maternità e lavoro

Perché queste zone grigie sono così ampiamente frequentate? Perché per decenni ce ne siamo approfittati del sistema. Per decenni e tuttora molte donne decidono, con medici compiacenti, per la maternità a rischio anche quando non c’è bisogno, molte donne stano a casa per 9 mesi e poi aggiungono le ferie e gli orari dell’allattamento senza tenere in alcuna considerazione le necessità aziendali, quando hanno la possibilità di essere presenti. Manca l’etica del lavoro in tutte coloro che se ne approfittano.

Questa è una giustificazione sufficiente? Ovviamente no.

Lavorare con dei neonati si può, come dice una mia amica, le libere professioniste lo fanno ogni giorno. Certo se hai degli appoggi, nonni disponibili o possibilità economiche per un nido o la baby sitter, è decisamente più facile. Ma perché deve essere l’unica strada per mantenere il proprio posto di lavoro?

Ma ricordiamoci un paio di cose...

mamme che lavorano


Annalisa Aloisi Annalisa Aloisi su Facebook

Annalisa Aloisi

Sono Annalisa Aloisi, ho 38 anni, un marito, 2 bambini di 11 e 8 anni e due gattoni. Sono appassionata di libri, montagna, medicina e guarigione naturale e sono Master Reiki.

Alla perenne ricerca della mia strada, in continua revisione di me stessa, sogno di poter un giorno lavorare con le mie passioni..

Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!


Baby Bazar. Copyright ©, 2000 - 2017 by Leotron - Verona - Italy - Partita Iva: IT02079170235